Il Fuoco di Ars in pellegrinaggio a Malanghero, l’Ars italiana

Diapositiva31Sabato 4 giugno, festa del Cuore Immacolato di Maria, Il Fuoco di Ars è andato in pellegrinaggio presso la chiesa di San Grato a Malanghero, piccolo paese vicino all’aeroporto di Caselle (TO), dove stazionano fino alla fine di questo mese di giugno alcune reliquie di San Giovanni Maria Vianney,Diapositiva10 il santo Curato d’Ars, che spese tutta la sua vita nell’amministrare il sacramento della misericordia.

Don Dario Bernardo Rossi, oblato benedettino e rettore della chiesetta, ci ha aiutato a scoprire tanti piccoli dettagli della vita di questo meraviglioso santo, e nostro patrono, che trascorse le sue giornate nell’esercizio della carità e confessando senza risparmiarsi, fino al giorno della sua morte.

Nell’ambito del pellegrinaggio abbiamo potuto venerare alcuni degli oggetti d’uso personale appartenuti alSanto Curato, come ad esempio il suo unico abito talare, tutto rammendato, le sue scarpe consumate o un piatto e una tazzina rattoppate. Il tutto contrastava Diapositiva24fortemente con la bellezza di una preziosa pianeta ed un sontuoso calice d’oro. Ma si sa che San Giovanni Maria Vianney, nella sua grande umiltà, non si prendeva cura di sè, ma Dio meritava soltanto il meglio del meglio.

Dopo la celebrazione della messa, concelebrata da don Luigi Brigatti, parroco di Sedriano, e don Lino Maggioni, della comunità pastorale di Rozzano, abbiamo tenuto uno dei nostri Cenacoli di Adorazione Eucaristica. Tanti hanno condiviso di aver avuto la sensazione di trovarsi in quei momenti nel vero paesino di Ars, in Francia.

Il pellegrinaggio si è concluso con la nostra consacrazione al Cuore Immacolato di Maria in una piccola chiesetta dedicata alla Madonna a pochi passi del centro di Malanghero.Diapositiva30
Un’esperienza davvero indimenticabile per tutti noi, che abbiamo potuto meditare, gustare e contemplare la misericordia del cuore materno e paterno di Dio attraverso la figura di questo grande santo.

Il nostro ringraziamento va al Signore per questo prezioso regalo e i nostri complimenti a don Dario, che si è prodigato per ognuno di noi con grande amore e dedizione.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.